Quando prendiamo appunti Jessica sgomita sul mio banco e Rimbauda si mette storta, insomma non so come cavolo scrivere. Però sto benissimo o quasi con loro due. Quasi per una patina di superficialità nel nostro stare insieme, che non mi può dare che incertezza. Ridiamo, scherziamo, ma Jessica non mi telefona il pomeriggio, mi fa solo messaggi, spesso per sapere i compiti -opportunismo, lo chiamano- e Rimbauda… non riesco a sintonizzarmi adeguatamente con lei, ad avere tutti i punti di contatto che vorrei -insomma, siamo molto diverse. Però ci divertiamo.
Ho immaginato di prendere in mano gli occhiali da sole nuovi -quello di cui in realtà è fatta la mia vita, acquisti, e contatti leggeri e poco significativi con gli altri- e mi sono istantaneamente proiettata due anni in avanti, a quando sarò punto e a capo, all’Università sola e cercherò come adesso di fare amicizia con qualcuno tanto per stare in compagnia, parlare degli esami e delle materie, di quello che si fa il sabato sera, di cinema, e oh invece dovunque andrà quella persona mi piacerebbe anche solo aver vissuto con lei qualcosa di profondo così che non importi più se scomparirà dalla mia vita. E’ difficile da spiegare, ma molto importante, per una come me che sa che i suoi amici sono conoscenze passeggere, temporanee, precarie, e una volta lasciata la scuola lascerà anche loro, e sarà un’intera fase della mia vita passata appena sulla punta della lingua -insipida. Dovrei lasciarmi coinvolgere di più, invece di non parlare, non criticare, non litigare, non esprimermi, non farmi vedere… sembro sempre in attesa di qualcosa che mi impegni sul serio, qualcuno con cui parlare senza censure e senza falsità e senza paura di sbagliare o di essere giudicata, semplicemente con piacere. Fa molto aspettando Godot, no?

Advertisements

5 thoughts on “

  1. Ho accuratamente meditato la tua metafisica, sarò lieta di convocare al più presto un incontro di boxe tra i nostri due neuroni 😀

  2. Di passaggio.

    Di passaggio leggo le tue parole. E mi chiedo se non manca ancora poco a che tu ti innamori e lasci tutti qua, ad aspettare di leggerti.

    Tante cose aspettano chi ha 18 anni o poco più.

    Gioca. Non aver paura.

    con affetto,

    carlo

  3. prima o poi arriverà qualche amicizia vera e profonda, o qualche amore struggente, qualcosa che lascerà i lsegno nel tuo cuore..che no nsarà semplice e precaria “conoscenza superficiale”. Te lo auguro, perlomeno.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s