via le cicche dai nostri balconi

stamattina avevo voglia di pulizia. Le cicche sul balcone non potevano aspettare oltre. Vantavano una permanenza che si perdeva nella notte dei tempi. Ho inaugurato una nuova era, l’era della scopa e dei balconi puliti (più o meno). Dopo un quarto d’ora gli ultimi rimasugli di cenere polvere et capelli erano in una busta di plastica dentro un’altra busta di plastica (per prevenire il contagio).

happy berfday bropher

Mio fratello ieri ha compiuto vent’anni. Gli ho appioppato due nuovi soprannomi ridicoli come solo io so fare. Lui mi ha tediato con un videogame sul calcio come solo lui sa fare. Comunque grazie a quel videogame maledetto conosce a menadito tutte le bandiere. Poi abbiamo trovato la pace giocando insieme a Word Challenge.

roses

Andando alla seduta di laurea di E. ascoltavo in the aeroplane over the sea. Avevo un mazzo di rose arancioni in mano ed ero vestita di nero. Non mi ricordavo precisamente la strada per arrivare all’università e infatti mi sono persa. Ho dovuto chiedere a una ragazza che stava andando lì.
Il 10 novembre dovrebbe arrivare una bella notizia. Intanto mangio dolci a forma di montagna e scatto foto alla città.
can’t believe how strange it is to be anything at all

domenica

io odio la domenica. non c’è nessuno per la strada. Solo gente che esce dalla chiesa. L’attività quotidiana è sospesa. Guardo i palazzi e i palazzi mi guardano. Deprimente.
Perciò sono andata in un posto dove l’attività ferve anche di domenica, anzi di domenica ancora di più: in pasticceria. Tutte quelle facce ansiose, quegli sguardi attenti, mi ispiravano una fotografia. Poco ho fatto, chè mi vergognavo.

happy birthday

quando ascolto una canzone in inglese mi piace conoscere il testo, soprattutto se è una coinvolgente come Aeroplane Over the Sea dei Neutral Milk Hotel.

What a beautiful face
I have found in this place
That is circling all round the sun
What a beautiful dream
That could flash on the screen
In a blink of an eye and be gone from me
Soft and sweet
Let me hold it close and keep it here with me, me

And one day we will die
And our ashes will fly from the aeroplane over the sea
But for now we are young
Let us lay in the sun
And count every beautiful thing we can see
Love to be
In the arms of all I’m keeping here with me, me

What a curious life we have found here tonight
There is music that sounds from the street
There are lights in the clouds
Anne’s ghost all around
Hear her voice as it’s rolling and ringing through me
Soft and sweet
How the notes all bend and reach above the trees, trees

Now how I remember you
How I would push my fingers through
Your mouth to make those muscles move
That made your voice so smooth and sweet
Now we keep where we don’t know
All secrets sleep in winters clothes
With one you loved so long ago
Now he don’t even know his name

What a beautiful face
I have found in this place
That is circling all round’ the sun
And when we meet on a cloud
I’ll be laughing out loud
I’ll be laughing with everyone I see
Can’t believe how strange it is to be anything at all, at all

Stamattina ho trovato quattro messaggi di auguri nel cellulare. Non ho mai pensato a quanto è bello ricevere gli auguri subito dopo la mezzanotte. Sembra che gli altri non stiano aspettando altro che farteli.

work in progress

il tavolo è troppo alto e mi si addormentano le braccia a scrivere. Oggi ho davvero esagerato con la cioccolata. Domani voglio consegnare la tesi finita. Ho paura che non stia bene. Ho voglia di piangere ma non lo dico a nessuno neanche a me stessa e se lo faccio farò finta di niente. Non devo pensare ai problemi finchè non si presentano. Stasera scriverò e poi dormirò tranquilla magari dopo aver letto un po’ di abbacinante.

carote

gli unici vegetali che mi fanno impazzire sono le carote. oggi ne ho mangiata una alle quattro del pomeriggio, perchè a pranzo me n’ero dimenticata. bisogna sempre mangiare almeno cinque porzioni tra frutta e verdura al giorno.

no connessione no party

che palle questa connessione malfunzionante e zoppicante, la pagina di word challenge ci mette un’ora a caricarsi e quella di pet society non si carica neanche. Eh non sono fatta per la connessione mobile, voglio la wireless!!! Anzi il fisso! Anche in mezzo al deserto!!! Deve essere mio! Assieme a un pacchetto di wafer Loacker al cacao.

Quando non aggiornano più il tuo blog preferito, è come se il tuo ragazzo non ti rispondesse agli sms!!! Un dramma esistenziale! Consolarsi col cibo o con le serie TV non serve. Dopo un po’ cedi e scrivi "cazzo perchè non mi caghi?!" "è da dodici ore che non ti sento, che è successo?" "ieri eri impegnato? ho sentito la tua mancanza" "non posso vivere un’altra settimana senza di te" e così via in una spirale di autoconsumazione. Si comincia a spulciare l’archivio, a rileggere i vecchi post e a commuoversi come se si stessero guardando vecchie foto. Ah guarda qua che carino, mi sono divertita tanto a leggerlo, proprio quello che scriverei io, che genio, quanto lo/la ammiro. Quando ormai ci si rassegna al fatto che i blog sia stato abbandonato, "tanto non scriveva più una volta al giorno come prima, era diventato noioso" ecco che il/la blogger torna e noi disperatamente felici esclamiamo "aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa come ho fatto senza di te tutto questo tempooooooh"

a chi non aggiorna più da tanto tempo.

quando non aggiornano più il tuo blog preferito, è come se il tuo ragazzo non ti rispondesse agli sms!!! Un dramma esistenziale! Consolarsi col cibo o con le serie TV non serve. Dopo un po’ cedi e scrivi “cazzo perchè non mi caghi?!” “è da dodici ore che non ti sento, che è successo?” “ieri eri impegnato? ho sentito la tua mancanza” “non posso vivere un’altra settimana senza di te” e così via in una spirale di autoconsumazione. Si comincia a spulciare l’archivio, a rileggere i vecchi post e a commuoversi come se si stessero guardando vecchie foto. Ah guarda qua che carino, mi sono divertita tanto a leggerlo, proprio quello che scriverei io, che genio, quanto lo/la ammiro. Quando ormai ci si rassegna al fatto che i blog sia stato abbandonato, “tanto non scriveva più una volta al giorno come prima, era diventato noioso” ecco che il/la blogger torna e noi felici “aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa come ho fatto senza di te tutto questo tempooooooh”