Oggi ha chiamato la mia vita.
"Pronto?" ho fatto io alzando la cornetta. Ero a casa quindi il telefono aveva la classica cornetta.  "Ciao Cristina. Sono la tua vita. Ti ricordi di me?" Lì per lì non ho riconosciuto la voce e non ho neanche sentito bene il nome. Mi capita spesso, al telefono. "Come, scusa?" Ho fatto. "La tua vita" ha detto la voce all'altro capo del telefono. Mi sono mentalmente data una pacca sulla fronte. Da quanto tempo non la sentivo, è chiaro che non ricordassi la voce. Forse era pure un po' cambiata dall'ultima volta che l'avevo sentita. Comunque dentro di me ho cominciato a vergognarmi. Avrei dovuto sentirla più spesso. Mi sentivo in colpa per non averla chiamata io. Era mia dopotutto. E io ero sparita così. "Vita mia! Certo che mi ricordo, è da tanto che non ci sentiamo, eh? Che mi racconti?" l'ho buttata lì con disinvoltura. Ma sentivo una certa tensione. Infatti la voce all'altro capo del telefono ha fatto: "Che mi racconti tu, bella… io non ho fatto niente. Sono sempre allo stesso punto. Ti chiamo per chiederti cosa hai deciso di fare con me."

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s