e adesso con chi andrò alle mostre, a chi racconterò le mie paure, a chi cercherò di descrivere quello che io vedo, come se mi facessi poggiare orecchio sull’orecchio, dicendo senti quello che io sento? era solo un’illusione, un immaginarsi in compagnia quando si era soli. ognuno ha il proprio orecchio e sente quello che vuole.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s